sabato 6 aprile 2013

Anonymous Dichiara Guerra alla Corea Del Nord


Gli hacker ribelli di Anonymous hanno attaccato la Corea del Nord. La "Resistenza mondiale del web" inizia a prendere forma come comunità al servizio della democrazia digitale?

Chi é innanzi tutto Anonymous?
Anonymous è un gruppo liberamente associato di hacker attivisti, nato nel 2003 su Imageboard 4chan, che rappresenta il concetto di molti utenti della comunità online e offline di essere contemporaneamente un cervello digitale globale.

Anonymous è anche generalmente considerato un termine generico per i membri delle sottoculture Internet che fanno riferimento alle azioni online in cui le loro identità reali non sono note.
Si oppone con forza alla censura in Internet e alla sorveglianza, alla corruzione dei governi e alle sette religiose come Scientology. I suoi membri possono essere distinti in pubblico con l'uso di maschere stilizzate tipo Guy Fawkes.

A partire da 2008, il collettivo Anonymous è diventato sempre più internazionale, impegnandosi in proteste e altre azioni di ritorsione contro l'anti-pirateria digitale. Essi sono i combattenti per la libertà di Internet, fautori di una sorta di cyber-guerriglia".

Anche se non necessariamente legati alcuni siti sono simpatizzanti di Anonymous, come 4chan e la Encyclopædia Dramatica, e una serie di forum. Anonymous è visto dalla CNN come il successore di Wikileaks e dal Times come uno dei gruppi organizzati in rete più potenti al mondo.

Il nome stesso Anonymous rappresenta in generale il concetto di gente qualsiasi e tutti allo stesso tempo come un collettivo senza nome.



"Noi siamo Anonymous. Noi siamo una Legione. Noi non perdoniamo. Noi non dimentichiamo".


Anonymous é quindi basato sulla supercoscenza di internet che opera unanimamente nel collettivo.

Secondo molti sarebbe una coalizione di utenti in internet che utilizzando i canali IRC e siti come 4chan, 711chan, Encyclopædia Dramatica e YouTube. I servizi di social networking, come Facebook, sono utilizzati per mobilitare i gruppi e organizzare le proteste del mondo reale.

Anonymous non ha nessun leader o partito di controllo e si basa sulla potenza collettiva dei suoi singoli partecipanti che agisce in modo tale che i benefici effetti siamo per tutto il gruppo.
Anonymous si sviluppa su molti media e in molte lingue, con l'adesione di tutti coloro che semplicemente intendono aderire.

Il leader del gruppo sembra essere un hacker soprannominato X Commander fondatore negli USA del Fronte di Liberazione Popolare (PLF).
Secondo X Commander, il Peoples Liberation Front, un collettivo di hacker fondato nel 1985, ha agito con AnonOps , un altro sottogruppo di Anonymous, per effettuare attacchi denial-of-service (DDoS) contro i siti web del governo in Tunisia, Iran, Egitto e Bahrain. Per spiegare il rapporto tra Anonymous e il PLF, è come l'analogia con la NATO, in cui il PLF è un organismo più piccolo che sceglie di attivare o disattivare di un progetto specifico.
"AnonOps e il PLF sono entrambi in grado di creare enormi armate" in Internet. La differenza principale è che AnonOps si muove con una forza enorme, ma molto lentamente a causa del loro processo decisionale. Il PLF invece si muove con grande velocità, come un bisturi".

Il 23 settembre 2011, un uomo senza casa in California di nome Christopher Doyon è stato arrestato e dichiarato dai funzionari di essere X Commander ma egli si è dichiarato non colpevole.

The Low Orbit Ion Cannon è uno stress test di un'applicazione in rete che è stato usato da Anonymous per raggiungere i suoi attacchi DDoS. I singoli utenti scaricano il LOIC e volontariamente contribuiscono con il loro computer a una rete bot. Questa rete bot è quindi diretta contro il bersaglio di AnonOps. Unire la rete bot e il volontariato con le risorse proprie per l'uso del gruppo è quindi un modo di essere un "membro", un concetto che è altrimenti difficile da definire.

Nel mese di aprile del 2009, dopo che The Pirate Bay fu riconosciuto colpevole di facilitare la violazione del diritto d'autore "in forma commerciale e organizzata", Anonymous ha lanciato un attacco coordinato DDoS contro la Federazione internazionale dell'industria fonografica (IFPI), un organismo incaricato di tutela dei diritti degli artisti di registrazione».

In una loro dichiarazione dissero: "Continueremo ad attaccare coloro che abbracciano la censura..."

Il 19 gennaio 2012, Megaupload, un sito che fornisce servizi di file sharing, è stato chiuso dal Dipartimento di Giustizia (DOJ) e dalla Federal Bureau of Investigation (FBI). Nelle ore successive alla chiusura, gli hacker di Anonymous attaccarono i siti del Dipartimento di Giustizia e l'FBI, così come la Motion Picture Association of America (MPAA), la Recording Industry Association of America (RIAA), e la Broadcast Music, Inc. (BMI) utilizzando attacchi distributed denial-of-service (DDoS).
Barrett Brown, descritto come un portavoce di Anonymous, ha definito l'attacco "il singolo attacco di Anonymous più grande della storia di internet".
Per protestare contro la legge che ferma la pirateria online (SOPA) Brown ha dichiarato che gli utenti di Internet erano pronti a difendere un Internet aperto.

Anonymous ha rivendicato l'attacco ai siti web del governo nel Regno Unito nel mese di aprile del 2012 in segno di protesta contro l'estradizione del governo e le politiche di sorveglianza.

Gli attivisti di Anonymous fusi con i manifestanti Occupy Wall Street, scesero al New York Zucotti Park organizzando in parte la protesta non violenta.
Una protesta simile si è verificata al di fuori della Borsa di Londra ai primi di maggio 2012 durante il Primo Maggio Occupy.

Nel mese di ottobre del 2011, fu lanciata l'operazione Operazione Darknet come tentativo di porre fine alle attività dei siti pedopornografici.
Anonymous ha pubblicato in un lin, i nomi utente di 1.589 membri della Lolita City, un sito porno pedofilo attraverso la rete Tor. Anonymous riferì che il sito conteneva oltre 100 gigabyte di pornografia infantile.

Anonymous ha scatenato attacchi alla Chiesa di Scientology e la Westboro Baptist Church ritenute di promuovere con la copertura religiosa attività di induzione all'odio razziale.

Nell'agosto del 2012 Anonymous ha attaccato il governo dell'Uganda in segno di protesta contro la promulgazioni di leggi contro l'omosessualità:

"Anonymous continuerà a colpire i siti governativi ugandesi e le comunicazioni fino a quando il governo dell'Uganda tratterà tutte le persone in maniera identica, tra cui anche le persone LGBT".

Il gruppo è responsabile anche dei cyber-attacchi al Pentagono, News Corp. e ha anche minacciato di distruggere Facebook.

Nel mese di ottobre 2011, gli hacker di Anonymous hanno minacciato il cartello messicano della droga noto come Los Zetas in un video online dopo che uno dei loro membri è stato rapito.

Alla fine di maggio del 2012 presunti membri Anonymous hanno rivendicato la responsabilità per abbattere un sito web colture GM.

Nei primi di settembre del 2012 dei presunti membri Anonymous hanno rivendicato la responsabilità per abbattere il Domain Name Server di GoDaddy, colpendo le piccole imprese in tutto il mondo.

Venerdì 25 Gennaio 2013, Anonymous ha violato il sito web della Commissione Giustizia degli Stati Uniti in un'operazione dal titolo Resort Ultimate Operation dopo un primo attacco fallito, deturpandolo.
Nel novembre del 2012, Anonymous ha lanciato una serie di attacchi contro i siti web del governo israeliano protestando per quello che hanno chiamato il "trattamento barbaro, brutale e ignobile perpetrato contro il popolo palestinese".

Il 30 novembre 2012, hanno dichiarato un intervento chirurgico per chiudere i siti web del governo siriano, in risposta a un blackout di Internet del giorno precedente, imposto dalle autorità siriane nel tentativo di mettere a tacere i gruppi di opposizione della guerra civile siriana.

Il 26 luglio 2007, il canale affiliato Fox KTTV a Los Angeles, California, ha trasmesso un rapporto su Anonymous, definendolo un gruppo di "hacker on steroids", "terroristi interni" e collettivamente una "macchina di odio in Internet".

Il giorno dopo il rapporto KTTV, il blogger Ryan Singel di Wired News ha deriso la relazione, affermando che la Fox News Service aveva confuso con il gruppo di hacker dei giovani quindicenni che pubblicano immagini oscene dal sito in lingua inglese Imageboard 4chan.

Nel febbraio 2008 la trasmissione australiana Today Tonight ha parlato del rapporto KTTV, precedendo il tutto dalla seguente dicitura: "La Chiesa di Scientology ha dilagato l'offensiva contro Anonymous, accusando il gruppo di fanatismo religioso e sostenendo che sono anime contorte e malate".

Graham Cluley, un esperto di sicurezza di Sophos, ha sostenuto che le azioni di Anonymous contro i siti pedopornografici potrebbero essere controproducenti, anche se fatte a fin di bene, perché a suo dire i siti web illegali dovrebbero essere rimossi da parte delle autorità.

L'edizione in lingua inglese di Al Jazeera ha pubblicato articoli regolari su Anonymous descrivendoli in modo positivo come una forma futura di attivismo sociale della rete.

Anonymous sono ritenuti responsabili di attacchi contro MasterCard, Visa, Sony e ai governi di Stati Uniti, Regno Unito, Turchia, Australia, Egitto, Algeria, Libia, Iran, Cile, Colombia e Nuova Zelanda.

L'FBI nel 2011 ha rilasciato una dichiarazione che la partecipazione ad attacchi DDoS è un reato penale con una pena fino a 10 anni di carcere.

Nel gennaio del 2011, la polizia britannica ha arrestato cinque persone tra i 15 e i 26 anni sospettate di partecipare ad attacchi DDoS per Anonymous.

Il 10 giugno 2011, la polizia spagnola ha catturato tre presunti membri di Anonymous nelle città di Gijon, Barcellona e Valencia. L'operazione ha disattivato il server principale da cui i tre uomini coordinati attaccavano con DDoS. Questo particolare gruppo aveva fatto attacchi ai server di: PlayStation Store, BBVA, Bankia e del governi di Egitto, Algeria, Libia, Iran, Cile, Colombia e Nuova Zelanda. L'operazione ha rivelato che la loro struttura consisteva in "celle", che in un dato momento potevano coordinare degli attacchi simultanei. La polizia spagnola ha dichiarato che questo gruppo di hacker rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale e della NATO.

Il 13 giugno 2011, in Turchia sono stati arrestate 32 persone coinvolte in attacchi DDoS sui siti web del governo turco. Questi membri di Anonymous sono stati catturati in diverse città della Turchia tra Istanbul e Ankara. Secondo PC Magazine questi individui sono stati arrestati dopo aver attaccato i siti web in risposta alla richiesta del governo turco agli ISP di implementare un sistema di filtri che molti hanno percepito come censura.

Nel mese di luglio del 2011, presunti hacker di Anonymous sono stati arrestati negli Stati Uniti, Regno Unito e Paesi Bassi in seguito dell'Operazione 2010 Avenge Assange in cui il gruppo ha attaccato PayPal, MasterCard e Visa dopo questi avevano congelato i conti di Wikileaks. I sospetti sono stati perquisiti e arrestati in Alabama, Arizona, California, Colorado, Washington DC, Florida, Massachusetts, Nevada, New Mexico e Ohio.
Mentre un ragazzo di 16 anni a sud di Londra è stato accusato di violazione del Computer Misuse Act del 1990.

Il 28 febbraio 2012, l'Interpol ha emesso un mandato per l'arresto per 25 persone con link sospetti di età compresa tra i 17 e i 40 anni, facenti parte del gruppo Anonymous.

Il 12 settembre 2012 il portavoce di Anonymous Barrett Brown è stato arrestato nella sua casa di Dallas con l'accusa di minacciare un agente dell'FBI.

Christopher "Nerdo" Weatherhead, 22 anni, che ha organizzato gli attacchi DDoS contro PayPal, noto come "Operation Payback", è stato condannato per aver compromesso da una giuria a Southwark Crow nel dicembre del 2012. Rhodes, di Camberwell, a sud di Londra, ha ottenuto sette mesi, per aver cospirato mettendo in pericolo il funzionamento dei computer. Il co-imputato Peter Gibson, 24 anni, di Hartlepool, è stato ritenuto di aver svolto un ruolo minore nella cospirazione.
Anche il Wall Street Journal ha dichiarato che gli Stati Uniti i funzionari di polizia sono preoccupati per ritorsioni con cyber-attacchi da parte di Anonymous per eventuali condanne al fondatore di WikiLeaks Julian Assange, anche se ció non è mai avvenuto, in quanto la Giustizia americana non ha ritenuto che avesse commesso reati sul suolo americano.

Minacce alla Corea Del Nord
Anonymous sembra aver dichiarato guerra cibernetica alla Corea del Nord.
Nelle ultime ore il collettivo di Anonymous ha espugnato gli account di Twitter e Flickr del governo Nord Coreano, oscurando due importanti siti web con un manifesto che sbeffeggia il supremo leader Kim Jong-un, e pare che abbiano sottratto 15.000 password dal sito di informazione e propaganda Uriminzokkiri.com, anticipando di fatto la preannunciata guerra nucleare con gli USA e la Corea Del Sud.

Anonymous avrebbe poi dichiarato che: “Per prima cosa cancelleremo i vostri dati, poi il vostro maledetto governo dittatoriale” nell'operazione chiamata Operation Free Korea che vuole le dimissioni del supremo leader, l’abbandono da parte della Corea del Nord dei suoi propositi nucleari, la concessione da parte del governo di un accesso libero alla Rete e, non bastasse, l’instaurazione di una libera democrazia nel paese.
In un comunicato su Pastebin, Anonymous fornisce alcuni dettagli sulla sua “strategia bellica”:
“Abbiamo alcuni ragazzi sul campo che sono riusciti a portare internet nel paese utilizzando una catena di ripetitori WiFi a lunga distanza con frequenze proprietarie. Abbiamo anche accesso ad alcune linee telefoniche nordcoreane che sono in contatto con Kwangmyong [la rete intranet nordcoreana, N.d.A.] attraverso connessioni dial-up. L’ultimo pezzo del puzzle era interconnettere le due reti, cosa che i ragazzi sul campo sono finalmente riusciti a fare.”

Nel comunicato targato #opNorthKorea, Anonymous se la prende con il governo nordcoreano (“Che c’è, avete la sindrome del cazzo corto?” [testuale]) ma anche con quello americano (“Volete un’altra specie di crisi cubana? Non siete la polizia del mondo, mettetevelo in testa.”), e con i media in generale, rei di prendere sottogamba le dichiarazioni di guerra del collettivo hacker.
In calce al comunicato, Anonymous fa sapere che il prossimo attacco è previsto per il 19 aprile.
Tutti i siti governativi Nord Coreani saranno riempiti di gattini e immagini porno! Staremo a vedere sperando che nel frattempo la situazione non peggiori.

A cura di Arthur McPaul

Fonte:
http://en.wikipedia.org/wiki/Anonymous_(group)#section_3

http://mytech.panorama.it/sicurezza/Corea-del-Nord-Anonymous-dichiara-guerra

Una cura naturale e salutare per le infiammazioni dei nervi cervicali e il benessere del sonno!

L’unico a sfruttare l’azione combinata di: termo-terapia (raccomandata a livello Medico per: Cervicale, Lombalgia, Artrosi, Torcicollo, Indolenzimento agli arti, Reumatismi, Sciatica, Sinusite) e quelli della Agopressione (Insonnia, Problemi di circolazione, Muscoli tesi)!

1 commento:

  1. DreamHost is ultimately one of the best hosting provider for any hosting services you need.

    RispondiElimina