venerdì 2 agosto 2013

IRIS Illumina il Sole





Il momento in cui un telescopio entra in attività rappresenta il culmine di anni di lavoro e pianificazione che contemporaneamente pone le basi per un patrimonio di ricerca e di risposte per il
futuro.
Il 17 luglio 2013, il team internazionale di scienziati ed ingegneri che hanno sostenuto e costruito il NASA Interface Region Imaging Spectrograph, o IRIS, hanno vissuto questa emozione. Mentre la navicella orbitava attorno alla Terra, la porta del telescopio si è aperta per iniziare ad i misteriosi strati più bassi dell'atmosfera del Sole e i risultati sono stati a dir poco stupefacenti. Dati nitidi e chiari che hanno mostrato dettagli senza precedenti di questa regione poco osservata.


"Queste belle immagini di IRIS stanno per aiutarci a capire come la bassa atmosfera del Sole alimenta una serie di eventi globali", ha dichiarato Adrian Daw, lo scienziato IRIS del NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland: "Si guarda a qualcosa con un dettaglio maggiore di quanto sia mai stato visto prima, che apre nuove porte alla comprensione. C'è sempre quel potenziale elemento di sorpresa".

Quando la porta del telescopio si è aperta, il 17 luglio 2013, IRIS ha cominciato ad osservare il Sole in un dettaglio eccezionale. Le prime immagini hanno mostrato una moltitudine di sottili strutture, come piccole fibre che non erano mai state viste in precedenza, rivelando enormi contrasti di densità e di temperatura in tutta la regione, anche tra le anse vicine che sono a poche centinaia di chilometri di distanza.
Le immagini hanno anche mostrato i punti che rapidamente si illuminano e si sfiocano, fornendo indizi su come viene trasportata l'energia assorbita in tutta la regione.

Le fini immagini di IRIS nella regione aiuteranno gli scienziati a monitorare come l'energia magnetica contribuisca al riscaldamento dell'atmosfera del Sole.
Gli scienziati hanno bisogno di osservare la regione nei minimi dettagli, perché l'energia che scorre attraverso di essa si diffonde dallo strato superiore dell'atmosfera solare alla corona, con temperature superiori a 1 milione di kelvin (circa 1,8 milioni di F), quasi un migliaio di volte più caldo della stessa superficie solare.

IRIS è una missione del programma NASA Explorer lanciata da Vandenberg Air Force Base, in California, il 27 giugno 2013.
Le capacità di Iris sono adattate unicamente a svelare la regione d'interfaccia solare, perché costituiscono l'emissione dei raggi ultravioletti che impattano nello spazio vicino alla Terra influendo sul clima della Terra.
L'energia che viaggia attraverso la regione ci aiuterà anche a comprendere meglio il vento solare che influisce sulla metereologia spaziale e può colpire i satelliti, le reti elettriche e sistemi di posizionamento globale, o GPS sulla Terra.

Progettato per la ricerca della regione di interfaccia in modo più dettagliato di quanto sia mai stato fatto prima, IRIS è una combinazione tra un telescopio ultravioletto e quello che detto spettrografo.
La luce dal telescopio è suddivisa in due componenti. La prima fornisce immagini ad alta risoluzione, l'acquisizione di dati su circa l'uno per cento del Sole in un istante. Mentre queste sono relativamente piccole istantanee, le immagini possono risolvere caratteristiche fino a 150 miglia di diametro.
Mentre le immagini sono in una lunghezza d'onda di luce alla volta, il secondo componente è lo spettrografo che fornisce informazioni su molte lunghezze d'onda della luce contemporaneamente.

Lo strumento divide la luce del Sole nelle sue diverse lunghezze d'onda e misura una data lunghezza d'onda quando è presente.
Queste informazioni vengono poi ritrattate su un grafico che mostra le linee spettrali.
Le Linee di Taller corrispondono alle lunghezze d'onda in cui il Sole emette la luce.
Le analisi delle righe spettrali possono anche fornire velocità, temperatura e intensità su come l'energia e il calore si muovono attraverso la regione.
"La qualità delle immagini e degli spettri che stiamo ricevendo da IRIS è incredibile. Questo era proprio quello che speravamo", ha detto Alan Title, ricercatore principale IRIS presso la Lockheed Martin Advanced Technology Center Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto, in California.
"C'è molto lavoro da fare per capire che cosa stiamo vedendo, ma la qualità dei dati ci permetterà di farlo. "

IRIS non solo fornisce osservazioni allo stato dell'arte per osservare la regione dell'interfaccia, ma fa uso di tecnologie avanzate di calcolo per aiutare ad interpretare tutto ciò che esso riprende. Infatti, l'interpretazione della luce che esce dalla regione dell'interfaccia non poteva essere fatta prima dell'avvento dei supercomputer di oggi perché, in questa zona del Sole, il trasferimento e la conversione dell'energia da una forma all'altra non era compresa.

La missione IRIS ha implicazioni a lungo termine per la comprensione della genesi della meteorologia spaziale vicino alla Terra. Capire come l'energia solare sposta il materiale attraverso la regione di interfaccia potrebbe aiutare gli scienziati a migliorare le previsioni per i tipi di eventi che possono interferire con le tecnologie terrestri.

Traduzione e adattamento a cura di Arthur McPaul

Fonte:
http://www.sciencedaily.com/releases/2013/07/130725141642.htm

Foto:
Confronto di una regione solare con le immagini tra la precedente sonda SDO e l'attuale IRIS (Credit: NASA/SDO/IRIS)




Sponsor:
Il tuo sito web...? (clicca sulla foto)

Sito WORDPRESS o ECOMMERCE? Tutto quello che ti serve, incluso template grafico, solo 7,5 Euro al mese su MISTERHOSTING.it

2 commenti:

  1. Arthur quale sarà la prossima missione spaziale?

    RispondiElimina